Spiedini thai con salsa alle arachidi (satay chicken)

Questa ricetta la volevo preparare da un secolo. Devo ringraziare di cuore la mia amica Giulia del blog Pareti di zucchero. Proprio qualche giorno fa, infatti, si parlava del burro di arachidi e della possibilità di farlo in casa ed è bastato questo accenno a far risalire immediatamente questi spiedini nella mia to-do-list.
L’idea è stata accolta con entusiasmo anche da vari amici su Facebook, infatti penso che questo sia uno dei piatti più gettonati ogni volta che andiamo in un ristorante thailandese. Vi assicuro che questa salsa è davvero una droga (o detto in inglese che pare più fico, è davvero “addictive”): cremosa ma con quel nonsoché di piccante, e poi con questi spiedini è davvero la morte sua. Vi suggerisco di provarli anche con il manzo, sono veramente fantastici se amate i sapori speziati!
Un’ultima nota a margine della ricetta. Stavo giusto pensando che potrei utilizzarla per inaugurare una sorta di “rubrica” in cui preparo (con o senza modifiche) una ricetta da uno dei tantissimi libri di cucina che ho in casa. A volte li guardo sgomenta e penso che invecchio troppo rapidamente e non mi basterà una vita intera per cucinare almeno una ricetta, ed una sola, tratta da ciascuno di essi. Beh, direi che è tempo di iniziare.

Questa qui viene da un libro sulla cucina tailandese (ma va’? :))) … tutto sommato lo consiglierei, data la scarsità di “letteratura” sulla cucina orientale tradotta in italiano. Rispetto ai piatti che conosco (ovviamente tramite ristorante, non essendo mai stata in Thailandia, e qui si potrebbe aprire una luuuunga polemica su quanto questi ristoranti cosiddetti etnici siano fedeli alle cucine di origine). Comunque, per quanto mi riguarda in genere “interpreto” un po’ le ricette che non mi convincono del tutto, in base a quello che ho assaggiato di persona – con tutte le limitazioni del caso – e in base alle ricette che trovo online, provenienti da Paesi con una tradizione più consolidata rispetto alla presenza di ricette provenienti da altri luoghi, fondamentalmente USA e UK.
Tornando alla nostra ricetta, vi riporto gli ingredienti del libro, che io ho adattato per una quantità inferiore. In particolare questo piatto ha richiesto, a mio parere, solo una modifica della salsa. Per il resto è venuto molto simile agli spiedini da me assaggiati.

Ingredienti (per 4 persone):

  • 500g di petto di pollo (il libro riporta “filetto di vitello” ma in realtà gli spiedini vengono fatti con entrambi i tipi di carne)
  • 2 spicchi d’aglio schiacciati
  • 2 cm di radice fresca di zenzero grattugiato
  • 1 cucchiaio di zucchero scuro
  • 1 cucchiaio di salsa di soia scura
  • 1 cucchiaio di succo di lime
  • 2 cucchiaini di olio di sesamo
  • 1 cucchiaino di coriandolo tritato
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 1/2 cucchiaino di peperoncino in polvere
  • cetriolo e peperone rosso a cubetti per servire (o a fette/julienne, aggiunta mia… è più comodo da intingere nella salsina)

Per la salsa d’arachidi:

  • 300 ml di latte di cocco
  • 8 cucchiai di burro di arachidi croccante 
  • 1/2 cipollotto grattugiato
  • 2 cucchiaini di zucchero di canna
  • 1/2 cucchiaino di peperoncino in polvere
  • 1 cucchiaio di salsa di soia scura
  • 1-2 cucchiaini di curcuma (fino a raggiungere il colore che più vi aggrada: mia aggiunta, perché senza veniva un colorino beigiolino tipo arachide sbiadita dal latte di cocco… molto meno giallo di come si vede al ristorante – e anche dalla foto del libro, se proprio vogliamo essere pignoli) *__*

Come si fa
Tagliate il pollo a cubetti e mettetelo in una ciotola. Aggiungete tutti gli ingredienti elencati, tranne gli ortaggi di accompagnamento e lasciate marinare per un paio d’ore in frigo.
Nel frattempo preparate la salsa. Mettete sul fuoco tutti gli ingredienti e scaldate fino a ebollizione, quindi togliete dal fuoco.
Per il burro d’arachidi, potete frullare ca 150g (peso netto) di arachidi tostate e pelate aggiungendo uno o due cucchiaini d’olio di arachide fino a ottenere una crema, regolando infine di sale. In questo caso, fermatevi prima di ridurle in crema, lasciando che una parte delle arachidi rimanga un po’ granulosa (versione croccante o “crunchy”) 🙂

A questo punto, infilzate i pezzi di carne sugli spiedini, fate cuocere per qualche minuto a fiamma viva (io ho usato la piastra di ghisa), quindi intingete allegramente nella salsa, e buon appetito!

(Visited 5.122 times, 1 visits today)

Comments

  1. Leave a Reply

    Giulia
    19 gennaio 2012

    Si può volerne uno alle 10:25 di mattina? Questo dice tutto. Brava Ste!

    • Leave a Reply

      foodforthesoul
      19 gennaio 2012

      :-)) Grazie!!! Comunque sì, io li mangerei anche a ridosso del cappuccino, 'neffetti! Baci Giu'!

  2. Leave a Reply

    Elena
    25 gennaio 2012

    Stefania sono davvero invitanti. Non ho mai provato la cucina tailandese. Mi sa che comincio… Rimaniamo qui in attesa di tue altre letture e riproduzioni delle ricette dei tuoi libri! Baci

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA The Original New York Cheese Cake