Vellutata primaverile con carote e champignon

Zuppe e minestre | 28 febbraio 2012 | By

Sembra che finalmente la primavera abbia deciso di fare una timida comparsa in città. E io, che adoro zuppe e cremine varie, non rinuncio a mangiarle nemmeno quando inizia a far caldo, solo in versione più frizzantina e colorata. Non è una gioia vedere sulla tavola i colori vivaci delle verdure primaverili o estive?
A me mette tanta allegria, e così ho deciso di fare un esperimento di vellutata leggera e colorata per partecipare con il fiatone al contest “Yogurtino sopraffino” organizzato dalla Cuochina. Uso spesso lo yogurt in cucina rubando idee a man bassa dalla cucina mediorientale e di buona parte del Mediterraneo, perché può sostituire latte e panna in molti piatti che richiedono cremosità o mantecatura, riducendo drasticamente le calorie! Poi in effetti, io adopero quello greco, che è … ehm… un pelino più grasso dello yogurt bianco convenzionale, anche se ha il vantaggio della maggiore densità e compattezza. Comunque è ottimo anche per marinare e intenerire le carni, ad esempio per il pollo è eccezionale (lo avevo già sperimentato qui).
Ma sto divagando, invece di darvi la ricetta! Eccola qui, vi assicuro che è semplicissima e il sapore vi sorprenderà! Avevo già provato varie ricette di vellutata con le carote, ma gli ingredienti comprendono quasi sempre la panna o il latte, cosa che per i miei gusti sottolinea un po’ troppo il gusto dolce delle carote. Con lo yogurt, invece, i sapori rimangono decisamente più equilibrati. E i funghi con la macinatina di pepe finale spezzano molto bene)

Ecco gli ingredienti per 2 porzioni:

  • 450g di carote (ne ho usate 5 di medie dimensioni)
  • 1 piccola cipolla
  • 1 bicchiere e 1/2 di brodo vegetale (deve coprire appena le carote)
  • 6 cucchiai di yogurt
  • 1 cucchiaio di latte
  • 3 cucchiai di champignon a fette già cotti
  • 7-8 fili di erba cipollina + la quantità necessaria per guarnire i piatti
  • olio extravergine
  • pepe
  • sale

Faccio una piccola premessa riguardo ai funghi. Dato che il tempo è sempre un po’ tiranno, acquisto spesso le confezioni di champignon freschi preaffettati e li faccio stufare con olio e pochissimo aglio, lasciandoli abbastanza al dente in modo da poterli adattare ad altre preparazioni. Trovo che sia abbastanza pratico per le minifamiglie come la mia 🙂 in più, i funghi possono essere utilizzati per arricchire panini, minestroni o insalate senza doverli cuocere una manciata per volta.
Ma occupiamoci ora della nostra vellutata!!!
Raschiate e lavate le carote, quindi affettatele e mettetele a cuocere insieme alla cipolla – anch’essa affettata – nel brodo vegetale tiepido. Ci vogliono circa 30-40 min. Nel frattempo, tritate grossolanamente i funghi con la mezzaluna e scaldateli in un padellino a parte, aggiungendo un filo d’olio (se necessario) e poi 3 dei 6 cucchiai di yogurt. Dovete ottenere una crema, se serve aggiungete un filino di brodo vegetale o latte. Completate con l’erba cipollina tritata.
Nel frattempo le carote saranno cotte. Passatele con il frullatore a immersione e aggiungete lo yogurt e il cucchiaio di latte. Anche questo composto deve risultare cremoso, se necessario aggiungete altro brodo o, se ancora liquido, fate ritirare ancora un istante sul fuoco. Nel mio caso non è stato necessario ma dipende sempre dalla dimensione delle carote, ecc.
Una volta ottenuta la vostra crema, componete i due tipi di vellutata (io ho provato maldestramente a realizzare una stella) e completate con un giro d’olio buono a crudo e una macinata di pepe nero. Decorate il piatto con qualche stelo di erba cipollina. E buon appetito!

Suggerimento: servita appena tiepida in mini-ciotole può essere un’idea per un buffet o un aperitivo

Questa ricetta partecipa al contest della Cuochina, “Yogurtino Sopraffino” :-))

(Visited 144 times, 1 visits today)

Comments

  1. Leave a Reply

    veru
    28 febbraio 2012

    Ok il contest ma quel piatto? Che per caso sei passata a casa mia e hai rubato il servizio buono??? 😀

    • Leave a Reply

      foodforthesoul
      28 febbraio 2012

      🙂 ma quale? quello di sopra o quello di sotto? ^__^ I piatti di Vietri, di cui sono super-orgogliosa, me li ha regalati una carissima amica! Li adoro!

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Il tarassaco