Ciambellone bicolore al pistacchio

Dolci | 26 ottobre 2012 | By

Vi capita mai di avere voglia di sapori semplici e golosi, che vi riportino all’infanzia? Ecco, per me (come penso per molti della mia generazione) il ciambellone era il classico dolce fatto in casa, semplice e veloce, da mangiare a merenda oppure a colazione. La variante bicolore era ancora più gradita e nella mia famiglia si faceva spesso, anche nella versione “recupero avanzi” con cui si potevano utilizzare i bianchi dell’uovo rimasti da altre preparazioni, ad esempio la maionese (sì, devo ritrovare la ricetta anche di quella versione!).
Insomma, sarà che sto invecchiando ma… ogni tanto mi viene questo mood da ritorno all’infanzia e così ieri, quasi colta da un raptus ciambelloso, ho messo in una ciotola il burro per lasciarlo ammorbidire e me ne sono andata alla riunione di condominio. Al ritorno ho preparato al volo questo dolcetto, aggiungendo alla mia solita ricetta una piccola variante: dei pistacchi tritati nell’impasto bianco.

Ingredienti:
300g di farina
230g di zucchero
1 bicchiere di latte (200cc)
150g di burro
3 uova
35g di cacao amaro in polvere
1 bustina di pistacchi sgusciati (25g)
1 bustina di lievito per dolci
burro e farina per lo stampo
zucchero per cospargere l’impasto

Procedimento
Lasciare ammorbidire il burro a temperatura ambiente, lavorarlo con lo zucchero fino ad ottenere una crema, quindi unire le uova e mescolare bene. Aggiungere poco per volta la farina setacciata e il latte e, per ultimo, il lievito. A questo punto, dividere l’impasto in due ciotole e aggiungere in metà impasto i pistacchi dopo averli tritati grossolanamente nel mixer e nell’altra metà il cacao amaro setacciato. Mescolare bene e, aiutandosi con un cucchiaio, versare i due impasti nello stampo precedentemente imburrato e infarinato, alternando i colori. Appena prima di infornare, spolverare la superficie dell’impasto con un po’ di zucchero, in questo modo si creerà una gustosa crosticina.
Ve l’avevo detto che era rapidissimo, vero?

Suggerimento
Questo dolce si può anche conservare in freezer. Io lo congelo a fette, così al mattino mentre esce il caffè ne infilo una “dose” in forno a freddo (cioè, accendo il forno a 100° e infilo la fetta a freddo ancora congelata); quando il forno arriva a temperatura, la mia golosa dose di carboidrati è bella e pronta!

(Visited 271 times, 1 visits today)

Comments

  1. Leave a Reply

    Paola
    26 ottobre 2012

    è vero il ciambellone è proprio un dolce che sa d'infanzia, di famiglia, di casa…
    anche io lo adoro ma lo faccio molto raramente, perchè ancora do per scontato che sia un compito di mamma 😀

    • Leave a Reply

      foodforthesoul
      26 ottobre 2012

      :)) un compito di mamma, meraviglioso! La mia è a 650km, mannaccc… diventerebbe complicato dal punto di vista logistico, però il tuo commento è troppo tenero!

  2. Leave a Reply

    Maria Luisa
    26 ottobre 2012

    bella idea i pistacchi nel ciambellone! Posso dire? mi sembra quel tocco in più che distingue i gusti dell'adulto da quelli dei bambini, che magari lo mangiano, ma lì per lì quella cosa in "dura" in quella fetta morbida, e poi è pure verde…. Ecco da adulti questi particolari si apprezzano meglio di certo!

    • Leave a Reply

      foodforthesoul
      26 ottobre 2012

      🙂 grazie Maria Luisa! E … ahem… in effetti mi sono accorta di un piccolo errore nella ricetta. Io i pistacchi li ho messi tritati, anche se grossolanamente. Ora ho corretto la procedura 🙂 … però come dici tu, anche interi o spezzettati col batticarne un po' più grossetti forse non ci starebbero male. Da provare!

  3. Leave a Reply

    Tery B
    29 ottobre 2012

    Ma… ma…. augurissimiiiiiiiiiii!!!
    Compagna di compleanno 😀
    Grazie mille per gli auguri! Un bacione!!

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Crema di cavolfiore