Minchiarieddhri salentini con piselli freschi e feta

Minchiarieddhri (maccheroni al ferretto) salentini con piselli freschi e feta

Sono stata un po’ come una marea nei mesi scorsi. Sono andata, son tornata, poi via per un altro po’ e finalmente rieccomi qui. Tante cose, tanti progetti che mi hanno tenuta lontana dalla cucina: alcuni danzano ancora nella mia testa e altri sono momentaneamente sospesi, ma questo angoletto di colori e sapori sarà sempre il mio rifugio!

Passo subito alla ricetta che ho preparato con questo filato di pasta, tipico del Salento, che trovo proprio rilassante fare. Il ritmo della “cavatura” col ferretto è una specie di mantra che davvero libera la mente: premi, fai rotolare, premi con mano più leggera, sfila il maccheroncino dal ferretto, ricomincia. E in un batter d’occhio hai fatto due belle porzioni!
In questa ricetta ho accostato i miei adorati “minchiarieddhri” salentini (i classici maccheroncini al ferretto: questa è la ricetta classica, con un piccolo video che spiega come vengono preparati e qui ce n’è una versione ai peperoni) a un condimento a base di piselli freschi e un po’ di formaggio, scegliendo la feta per bilanciare con il suo gusto intenso e un po’ sapido la dolcezza dei piselli, per un piatto unico semplice e saporito.

Ingredienti (per 2 persone)

Per la pasta

  • 150 g di semola rimacinata
  • acqua q.b.

Per il condimento

  • olio extravergine
  • 1/2 cipolla piccola
  • 6 cucchiai colmi di piselli stufati (corrispondono a circa 700 g di piselli freschi col baccello)
  • 50 g di feta
  • sale q.b.
  • latte q.b.

Procedimento

  1. Sgusciare i piselli e sciacquarli sotto l’acqua corrente
  2. In un pentolino, soffriggere dolcemente la cipolla tagliata a velo con 2-3 cucchiai d’olio extravergine. Quando la cipolla sarà appassita, aggiungere i pisellini e far stufare con il recipiente coperto. Se necessario, aggiungere poco per volta dell’acqua tiepida per non far asciugare troppo la preparazione. Regolare di sale quasi al termine della cottura.
  3. Una volta cotti i piselli, ridurne in crema 3 cucchiai abbondanti (dovrebbe corrispondere alla metà ma la resa può dipendere dalla qualità dei piselli) utilizzando un mini-robot o un frullatore a immersione, aggiungendo 1-2 cucchiai di latte se la crema dovesse risultare troppo densa.
  4. Tagliare la feta a fette e sbriciolarla grossolanamente con un coltello.
  5. Cuocere la pasta, farla mantecare velocemente in padella con la crema di piselli e i rimanenti 3 cucchiai di piselli interi. 
  6. Servire dopo aver cosparso con la feta sbriciolata.

 Consiglio: togliere la feta dal frigo un paio d’ore prima di usarla, in modo che sia a temperatura ambiente e non raffreddi il condimento.

(Visited 186 times, 1 visits today)

Comments

  1. Leave a Reply

    Stefania FornoStar Oliveri
    25 Maggio 2015

    Non conoscevo questo tipo di pasta, o quanto meno non sapevo che si chiamassero così, e l'accostamento con questo condimento lo trovo perfetto 🙂

  2. Leave a Reply

    foodforthesoul
    25 Maggio 2015

    Grazie Stefy 🙂 nel profondo Salento si chiamano così, l'assonanza, beh… non è difficile da intuire ^_^ Comunque sono buoni, anche nella versione più tipica fatta con parte di farina d'orzo!

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Cocktail gamberi e frutta