Noodles cinesi con manzo, porri e funghi

Noodles con manzo e porri - Food for the SoulCari amici, un altro mese è volato ed eccomi di nuovo qui con il divertente #scambioricette delle #bloggalline, ormai diventato un appuntamento fisso qui sul blog.

Questa volta sono stata abbinata al blog “Pan per focaccia”. Ci sono tante ricette carine tra cui scegliere, ma quando ho visto che a Cristina, la padrona di casa, piace come a me sperimentare anche altre cucine del mondo, ho subito scelto questa ricetta orientale, dato che era da un po’ che non mi preparavo in casa un bel piatto speziato ed esotico. Ed ecco qui questi buonissimi noodles. Vi consiglio comunque di fare un giro nella pagina della ricetta originale, anche per le utilissime foto passo-passo inserite da Cristina per mostrare la realizzazione del piatto.

(altro…)

Lasagna zucca e funghi

Lasagna con zucca, funghi e fontina

Ahhh le lasagne!!! Credo che siano universalmente riconosciute come il comfort food per eccellenza, almeno in Italia! A me fanno venire in mente quei pranzoni della domenica o per le feste, quando la lasagna arrivava dopo gli antipasti e poi, no… non era mica finita! Si continuava con uno o più secondi, frutta, dolce, caffè. Ma questi pranzetti luculliani è meglio prepararli con una certa parsimonia e riservarli alle occasioni speciali. Nei giorni normali preferisco mangiare sano e leggero il più possibile, anche se una lasagnetta ogni tanto me la concedo, facendola però diventare un piatto unico. Con questa versione avrete in un unico piatto i carboidrati, un po’ di proteine del formaggio e del latte usato per la besciamella e la verdura, bella colorata e autunnale: la zucca con quel suo meraviglioso color arancio già basta da sola per portare in tavola un po’ di luce e di allegria nelle giornate che iniziano ad accorciarsi. Ed è anche vegetariana. Cosa volete di più?

(altro…)

Straccetti ai funghi porcini

Secondi | 17 ottobre 2012 | By

Oggi ho una ricetta superveloce e golosa: adoro i funghi e l’altro giorno li ho preparati in un modo rapido e saporito, per un pranzo all’insegna del gusto e della leggerezza.
Questa ricetta mi ricorda degli straccetti ai funghi che ho mangiato tantissimi anni fa in una trattoria fuori Roma. In quell’occasione rimasi colpita dal fatto che carne e funghi fossero cotti alla brace, perché ero abituata agli straccetti “di città” ultrasottili e cotti in padella.
E imparai, grazie al simpatico oste che venne al tavolo a raccontarci il piatto, che gli straccetti sono più buoni se tagliati a mano (specie per la cottura alla brace, ovviamente)… Beh, ero giovane e poco esperta di questo taglio di carne che da noi nel Salento si usa ancora poco e niente. Non avendo un camino o un barbecue ho usato gli straccetti convenzionali (cioè quelli sottilissimi, quasi indistinguibili dal carpaccio, che si trovano comunemente in città) ma se avete la fortuna di poter fare il barbecue, provate a farvi tagliare dal vostro macellaio di fiducia degli straccetti leggermente più alti, fateli marinare un po’ con olio, qualche erba profumata, peperoncino, due bacche di ginepro… e poi buttateli sulla brace insieme ai porcini in pezzi. Vi assicuro che verrà un piatto strepitoso! La versione in padella è un buon sostituto; accompagnata con un po’ di pane e una bella insalata rappresenta un pasto completo e leggero (anche se poco fotogenico!!!).

Ingredienti (per 2 persone)

  • 150 g di funghi porcini (puliti e tagliati a tocchetti)
  • 250 g di straccetti
  • peperoncino
  • olio extravergine
  • 1 dito di vino bianco secco
  • 1 spicchio d’aglio
  • pepe nero
  • sale

Come si fa
In una padella ho cucinato prima i funghi, facendo rosolare leggermente l’aglio nell’olio e aggiungendo poi i funghi e un po’ di peperoncino a rondelle. Quando i funghi si sono insaporiti per bene, ho regolato di sale e sfumato con il vino, terminando di cuocerli a fuoco basso. A questo punto, ho aggiunto gli straccetti e li ho fatti cuocere velocemente a fiamma alta. Infine ho completato il tutto con un giro di pepe nero macinato al momento.

Girelle di patate con funghi, prosciutto e formaggio

Mi rendo conto che con questo caldo accendere il forno non è proprio l’ideale ma voglio condividere con voi questa ricetta, perché è davvero divertente e gustosa.
Qualche giorno fa avevo voglia di cucinare qualcosa con le patate però volevo una cosa sfiziosa, che mi consentisse anche di utilizzare una confezione di champignon affettati che avevo in frigo. Così ho pensato di fare queste girelle e devo dire che sono state decisamente apprezzate! Passo subito a trascrivere la ricetta.

Ingredienti (per 4-5 persone)

  • 750g di patate
  • 1 confezione di champignon affettati freschi (la mia era da 250g)
  • 4-5 cucchiai di parmigiano (più quello per gratinare)
  • 3-4 fette di prosciutto cotto
  • fontina, edam o altro formaggio che fila (io ho usato il leerdammer)
  • 2-3 cucchiai di farina 00
  • 1 uovo
  • 40g di burro
  • 1 spicchio d’aglio 
  • olio extravergine
  • noce moscata
  • peperoncino (a piacere)

Come si fa:
Far cuocere i funghi in padella dopo aver soffritto lo spicchio d’aglio in 2-3 cucchiai d’olio extravergine. A piacere, è possibile aggiungere un po’ di peperoncino in polvere.
Lessare le patate con tutta la buccia, poi pelarle e schiacciarle con lo schiacciapatate. In una ciotola, mescolare le patate – dopo che si saranno freddate – con la farina, l’uovo e il parmigiano. Regolare di sale e aggiungere un po’ di noce moscata.
Stendere sul piano di lavoro un foglio di pellicola per alimenti, e su questo disporre l’impasto in un rettangolo tenendolo a un’altezza di 7-8 mm. Disporre i funghi, le fette di prosciutto e il formaggio a fettine, quindi arrotolare il tutto aiutandosi con il foglio di pellicola.
L’impasto dovrebbe essere abbastanza sodo ma per facilitarne il taglio è possibile lasciarlo riposare in freezer per una mezz’ora. A questo punto, tagliare le girelle e disporle in una teglia leggermente imburrata, sovrapponendole appena. Potete anche disporle una accanto all’altra in modo da non rovinarle se desiderate, ad esempio, utilizzarle singolarmente come finger-food.
Fare sciogliere il burro in un padellino e versarlo sulle girelle. Cospargere il tutto di parmigiano e infornare per 15-20 minuti o fino ad ottenere una crosticina dorata.
Ecco la foto delle girelle pronte, mentre nella foto in alto le ho fotografate subito prima di cospargerle di parmigiano, in modo da far vedere la densità del ripieno.

Se volete potete anche surgelare le fette, disponendole in una teglia una accanto all’altra, per poi riporle in un sacchetto da freezer una volta congelate. Al momento di cuocerle, disponetele in teglia e ricopritele col burro e il parmigiano per farle gratinare.

Vellutata primaverile con carote e champignon

Zuppe e minestre | 28 febbraio 2012 | By

Sembra che finalmente la primavera abbia deciso di fare una timida comparsa in città. E io, che adoro zuppe e cremine varie, non rinuncio a mangiarle nemmeno quando inizia a far caldo, solo in versione più frizzantina e colorata. Non è una gioia vedere sulla tavola i colori vivaci delle verdure primaverili o estive?
A me mette tanta allegria, e così ho deciso di fare un esperimento di vellutata leggera e colorata per partecipare con il fiatone al contest “Yogurtino sopraffino” organizzato dalla Cuochina. Uso spesso lo yogurt in cucina rubando idee a man bassa dalla cucina mediorientale e di buona parte del Mediterraneo, perché può sostituire latte e panna in molti piatti che richiedono cremosità o mantecatura, riducendo drasticamente le calorie! Poi in effetti, io adopero quello greco, che è … ehm… un pelino più grasso dello yogurt bianco convenzionale, anche se ha il vantaggio della maggiore densità e compattezza. Comunque è ottimo anche per marinare e intenerire le carni, ad esempio per il pollo è eccezionale (lo avevo già sperimentato qui).
Ma sto divagando, invece di darvi la ricetta! Eccola qui, vi assicuro che è semplicissima e il sapore vi sorprenderà! Avevo già provato varie ricette di vellutata con le carote, ma gli ingredienti comprendono quasi sempre la panna o il latte, cosa che per i miei gusti sottolinea un po’ troppo il gusto dolce delle carote. Con lo yogurt, invece, i sapori rimangono decisamente più equilibrati. E i funghi con la macinatina di pepe finale spezzano molto bene)

Ecco gli ingredienti per 2 porzioni:

  • 450g di carote (ne ho usate 5 di medie dimensioni)
  • 1 piccola cipolla
  • 1 bicchiere e 1/2 di brodo vegetale (deve coprire appena le carote)
  • 6 cucchiai di yogurt
  • 1 cucchiaio di latte
  • 3 cucchiai di champignon a fette già cotti
  • 7-8 fili di erba cipollina + la quantità necessaria per guarnire i piatti
  • olio extravergine
  • pepe
  • sale

Faccio una piccola premessa riguardo ai funghi. Dato che il tempo è sempre un po’ tiranno, acquisto spesso le confezioni di champignon freschi preaffettati e li faccio stufare con olio e pochissimo aglio, lasciandoli abbastanza al dente in modo da poterli adattare ad altre preparazioni. Trovo che sia abbastanza pratico per le minifamiglie come la mia 🙂 in più, i funghi possono essere utilizzati per arricchire panini, minestroni o insalate senza doverli cuocere una manciata per volta.
Ma occupiamoci ora della nostra vellutata!!!
Raschiate e lavate le carote, quindi affettatele e mettetele a cuocere insieme alla cipolla – anch’essa affettata – nel brodo vegetale tiepido. Ci vogliono circa 30-40 min. Nel frattempo, tritate grossolanamente i funghi con la mezzaluna e scaldateli in un padellino a parte, aggiungendo un filo d’olio (se necessario) e poi 3 dei 6 cucchiai di yogurt. Dovete ottenere una crema, se serve aggiungete un filino di brodo vegetale o latte. Completate con l’erba cipollina tritata.
Nel frattempo le carote saranno cotte. Passatele con il frullatore a immersione e aggiungete lo yogurt e il cucchiaio di latte. Anche questo composto deve risultare cremoso, se necessario aggiungete altro brodo o, se ancora liquido, fate ritirare ancora un istante sul fuoco. Nel mio caso non è stato necessario ma dipende sempre dalla dimensione delle carote, ecc.
Una volta ottenuta la vostra crema, componete i due tipi di vellutata (io ho provato maldestramente a realizzare una stella) e completate con un giro d’olio buono a crudo e una macinata di pepe nero. Decorate il piatto con qualche stelo di erba cipollina. E buon appetito!

Suggerimento: servita appena tiepida in mini-ciotole può essere un’idea per un buffet o un aperitivo

Questa ricetta partecipa al contest della Cuochina, “Yogurtino Sopraffino” :-))

CONSIGLIA Ciambelline soffici