Lasagna zucca e funghi

Lasagna con zucca, funghi e fontina

Ahhh le lasagne!!! Credo che siano universalmente riconosciute come il comfort food per eccellenza, almeno in Italia! A me fanno venire in mente quei pranzoni della domenica o per le feste, quando la lasagna arrivava dopo gli antipasti e poi, no… non era mica finita! Si continuava con uno o più secondi, frutta, dolce, caffè. Ma questi pranzetti luculliani è meglio prepararli con una certa parsimonia e riservarli alle occasioni speciali. Nei giorni normali preferisco mangiare sano e leggero il più possibile, anche se una lasagnetta ogni tanto me la concedo, facendola però diventare un piatto unico. Con questa versione avrete in un unico piatto i carboidrati, un po’ di proteine del formaggio e del latte usato per la besciamella e la verdura, bella colorata e autunnale: la zucca con quel suo meraviglioso color arancio già basta da sola per portare in tavola un po’ di luce e di allegria nelle giornate che iniziano ad accorciarsi. Ed è anche vegetariana. Cosa volete di più?

(altro…)

Minchiarieddhri salentini con piselli freschi e feta

Minchiarieddhri (maccheroni al ferretto) salentini con piselli freschi e feta

Sono stata un po’ come una marea nei mesi scorsi. Sono andata, son tornata, poi via per un altro po’ e finalmente rieccomi qui. Tante cose, tanti progetti che mi hanno tenuta lontana dalla cucina: alcuni danzano ancora nella mia testa e altri sono momentaneamente sospesi, ma questo angoletto di colori e sapori sarà sempre il mio rifugio!

(altro…)

Lasagne ai carciofi

Lasagne ai carciofi con besciamella e fiordilatte

Eccomi qui, di nuovo con una ricetta a base di carciofi! Spero mi perdonerete per aver pubblicato due ricette di seguito con lo stesso ingrediente ma la dura vita dei food blogger è fatta anche di questo: gli attacchi compulsivi riguardo ai propri cibi preferiti sono un classico, senza dimenticare il fatto che spesso gli esperimenti precedenti si trasformano in una catena di acquisti alimentari da utilizzare o riutilizzare. In questo caso, i carciofi che facevano bella mostra di sé, crudi, nelle foto della ricetta precedente non aspettavano altro che di essere utilizzati quanto prima.

(altro…)

Ravioli di ceci neri di Pomarico con melanzane rosse di Rotonda al ragù di gallinella

Primi piatti | 20 Settembre 2013 | By

Ravioli ai ceci neri di Pomarico ripieni di melanzane rosse di Rotonda al ragù di gallinella

Sapete quanto sia grande la mia curiosità quando si tratta di provare prodotti che non conosco, per questo sono stata molto contenta di partecipare al contest IoChef, indetto dall’Unione Regionale Cuochi Lucani con la collaborazione del blog Scatti Golosi.

Grazie a questa opportunità, ho potuto assaggiare diversi prodotti lucani, tra cui la particolarissima melanzana rossa di Rotonda, dal gusto più delicato rispetto alle melanzane viola che conosciamo, e dal retrogusto piacevolmente amarognolo.
Il tema del contest riguardava l’abbinamento tra uno dei prodotti ricevuti in assaggio e uno o più pesci tra quelli su cui sarà incentrato il 27° Convegno dell’Unione Cuochi Lucani, che avrà come tema le specie lucane e la pesca sostenibile.
Questi i prodotti che ho avuto il piacere di assaggiare:

Pane di Matera IGP
Olio extravergine di oliva Majatica
Cacioricotta lucano
Fagioli di Sarconi IGP
Melanzana rossa di Rotonda DOP
Crema di Melanzana rossa di Rotonda DOP
Peperoni secchi di Senise IGP
Ceci neri di Pomarico
Pomodoro secco “Ciettaicale” di Tolve
Ficotto di Pisticci

Tornando alla ricetta, l’abbinamento con il pesce è stata per me la parte più difficile perché, malgrado le mie origini salentine, mi cimento abbastanza di rado con il pesce. Alla fine, dopo alcuni tentativi e assaggi, mi è venuto in mente di provare a trasformare i ceci neri di Pomarico in farina. Avevo già pasticciato con la farina di ceci (qui e qui, e anche qui) e mi incuriosiva vedere come avrebbe interagito il colore particolarissimo di questi ceci una volta macinato e mescolato con gli altri ingredienti.
Il risultato è stato un impasto molto particolare, punteggiato di nero, e con una buona tenuta alla cottura.
Trascrivo di seguito la ricetta*.
(*Nota: gli ingredienti per i ravioli sono per un uovo di pasta, non potevo impastarne di meno! Con questa quantità si ottengono 18-20 ravioli grandi, dipende sempre dallo stampo che userete e dalla quantità di ripieno che inserirete in ogni raviolo. La dose per il ragù invece è per 2-3 persone)

Per la pasta

  • 60 g di farina di semola rimacinata
  • 40 g di farina di ceci neri di Pomarico
  • 1 uovo
  • 1 filo d’olio extravergine

Per il ripieno

  • 3 melanzane rosse di Rotonda DOP medie
  • 1 patata bollita (140 g circa)
  • 1/2 cipolla piccola
  • 2-3 peperoni secchi di Senise DOP
  • 5-6 foglie di basilico
  • olio extravergine di oliva Majatica
  • sale
  • pepe



Per il ragù

  • 600 g di gallinella (peso lordo)
  • 4-5 pomodorini oblunghi
  • olio extravergine
  • 1 spicchio d’aglio

Per decorare: 10-15 foglie di basilico tritate finemente ed emulsionate con olio extravergine di oliva Majatica

Farina di ceci neri di Pomarico

Ravioli di ceci neri di Pomarico con melanzane rosse di Rotonda al ragù di gallinella

Ravioli di ceci neri di Pomarico con ripieno di melanzane rosse di Rotonda

Procedimento

  1. Preparare il ripieno: mettere a bollire la patata.
  2. Tagliare le melanzane a dadini di 5-6 mm,
  3. In una padella, imbiondire la cipolla con un cucchiaio di olio extravergine e aggiungere le melanzane. Farle stufare a fuoco basso finché non saranno morbide. Lasciare intiepidire
  4. Pelare la patata e schiacciarla grossolanamente con una forchetta in una ciotola. Aggiungere le melanzane, regolare di sale, unire il basilico e i peperoni di Senise spezzettati e poco pepe nero macinato al momento.
  5. Nel frattempo preparare la pasta. La farina di ceci si ottiene con un buon robot da cucina potente. Mescolare le due farine e farne una fontana, mettere al centro l’uovo e un filo d’olio e impastare fino a ottenere un impasto morbido ed elastico. Lasciare riposare in frigo per una mezz’ora.
  6. Preparare il ragù: sfilettare il pesce (nel mio caso ho chiesto aiuto al pescivendolo), spinarlo e tagliarlo a piccoli cubetti.
  7. In una padella, far imbiondire uno spicchio d’aglio con 3-4 cucchiai di olio extravergine.
  8. Eliminare l’aglio e aggiungere i pomodorini, privati dei semi e tagliati in piccoli cubetti.
  9. Quando l’acqua di vegetazione dei pomodori si sarà asciugata, aggiungere i dadini di pesce e far cuocere per qualche minuto.
  10. Preparare
  11. Mettere a bollire l’acqua per la pasta.
  12. Cuocere i ravioli e servire dopo aver versato o spennellato sul piatto un fondo di emulsione di basilico e olio.
  13. A piacere, aggiungere un filino d’olio extravergine di oliva Majatica a crudo.

Con questa ricetta partecipo al concorso IoChef 
organizzato dal blog Scattigolosi e dal Unione Regionale Cuochi Lucani (URCL)

Crêpes di ceci con ricotta, zucchine e pomodori secchi

Quanto mi piacciono le crêpe… eppure non le facevo da un secolo, infatti questa è la prima volta che inserisco questo piatto nel blog. Forse le avevate viste già in anteprima nel mio profilo Facebook o nella pagina del blog, e questa è la ricetta (adatta anche per i celiaci). La farina di ceci viene ottenuta dalla macinatura dei ceci essiccati e ha le stesse proprietà del legume fresco. Perciò, è una buona fonte di proteine vegetali e di vitamine, senza dimenticare il basso contenuto di carboidrati rispetto alla farina di frumento.
Per questo motivo è una ricetta gustosa e leggera, un piatto unico da completare con una fresca insalata.

Ecco gli ingredienti (per 8 crêpe – sufficienti per 4 persone)

Per le crêpe:

  • 125 g di farina di ceci
  • 2 uova
  • 200 g di latte fresco
  • sale q.b.
  • olio q.b. per ungere la padella

Per il ripieno e il condimento:

  • 300 g di ricotta di pecora
  • 6 cucchiai di parmigiano grattugiato fresco
  • 3 zucchine
  • 1 piccola cipolla
  • 3 pomodori secchi interi (6 mezzi pomodori)
  • qualche cucchiaio di latte (all’occorrenza)
  • sugo di pomodoro
  • 2-3 cucchiai di provolone piccante grattugiato al momento

Come si fa:

Preparare le crêpe (potete farle il giorno prima e conservarle in frigo in un sacchetto per congelare oppure in freezer, scongelandole bene prima di utilizzarle):

  1. Mettere la farina in una ciotola abbastanza capiente, tenete conto che andranno aggiunti altri ingredienti e verrà utilizzata la frusta per sbattere il composto.
  2. Aggiungere le uova e iniziare a mescolare con la frusta
  3. Aggiungere il latte a filo e il sale, quindi mescolare ancora con la frusta fino a ottenere una pastella liscia e senza grumi.
  4. Utilizzando un pennello o un po’ di carta da cucina, ungere d’olio una padella antiaderente di 20-22 cm di diametro e far scaldare la padella. Versare un mestolo di impasto e distribuirlo bene sul fondo sollevando la padella e inclinandola in ogni direzione.
  5. Far cuocere per un minuto la crêpe da un lato; inizieranno a formarsi delle piccole bolle e la crêpe si staccherà dal fondo; se non si stacca del tutto, ci si può aiutare con una paletta di legno.
  6. Girare con delicatezza la crêpe e finire di cuocere l’altro lato per 1 minuto o 2.
  7. Posare la crêpe su un piatto e procedere fino a terminare l’impasto. Le crêpe possono essere impilate senza problemi.

Preparare il ripieno:

  1. Lavare e mondare le zucchine, quindi tagliarle prima a fette poi a cubetti di circa 5 mm.
  2. Affettare la cipolla e soffriggerla a fuoco dolce per alcuni minuti, finché non si sarà ammorbidita senza brunirsi.
  3. Aggiungere le zucchine e farle cuocere per 7-8 minuti; devono rimanere croccanti, in modo da evitare che si spappolino con il passaggio in forno. Regolare di sale e lasciare intiepidire.
  4. Nel frattempo, lavorare la ricotta in una ciotola con il parmigiano, fino ad ottenere un composto cremoso. Se la ricotta è abbastanza fresca, rilascia una certa quantità di siero, se invece è di 1 o 2 giorni, può essere necessario aggiungere 2 o 3 cucchiai di latte per rendere il composto più cremoso.
  5. Asciugare i pomodori secchi con carta da cucina se sono sott’olio; se sono asciutti, ammollarli in acqua tiepida per qualche minuto, quindi tagliarli a striscioline e poi a cubetti di 4-5 mm.

Riempire le crêpe e infornare:

  1. Sporcare il fondo di una teglia con qualche cucchiaiata di sugo di pomodoro.
  2. Spalmare su ogni crêpe uno strato di crema di ricotta.
  3. Aggiungere le zucchine a cubetti e i pomodori secchi.
  4. Arrotolare le crêpe e disporle nella teglia.
  5. Coprire con il sugo e spolverare con il provolone grattugiato.
  6. Infornare a 180° per una decina di minuti o finché il provolone non si sarà sciolto. L’assenza di gratinatura è voluta, in quanto mi piaceva l’idea di mantenere questo piatto morbido e fresco.
CONSIGLIA Cocktail gamberi e frutta